Il cavedano

23/08/2010

Seguivo, guardando il cielo tra i rami,
le rive di un musico torrente,
umido, con molte pietre scivolose,
con felci e fiori di campo.
Ma un tratto, vidi un cavedano, che saltava nel torrente
e come potevo perderlo di vista !
con quello scintillio di goccioline !
Scherzoso nel suo arcobaleno di piccole luci
che si rincorrevano nel sole.
Correvo così sulle rive del torrente,
e lui veloce saltava e nuotava,
verso il suo subacqueo rifugio.
Ma il piede è traditore, marinaro, non di bosco,
e così caddì in giù, nella pozza,
proprio vicino a lui, al cavedano,
la mia testa si lacerò su una roccia
e copioso il mio sangue invase le limpide acque,
diventando cibo per tanti piccoli animaletti.
Il cavedano mi rimase vicino, finche io
immobile sott’acqua, non finii il mio fiato.
Mai avrei potuto chiedere di più al destino:
l’ultimo mio sguardo vide proprio i suoi scintilli,
nell’acqua che si arrossava.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: